In tempo di crisi e tagli anche il governatore della California, Arnold Schwarzenegger ha deciso di tagliare i fondi per l’istruzione universitaria, ovvero 13 milioni di euro. Lo fa chiudendo lo storico Centro Stu­di padovano della Universi­ty of California.

Un’istituzio­ne dove dal 1963, quando il rettore Guido Ferro sti­pulò la convenzione con l’ateneo americano, so­no transitati migliaia di stu­denti, italiani e statunitensi.

Ora quattro dipendenti del centro hanno ricevuto la lettera di licenziamento e i locali sede degli uffici, il cui affitto è pagato dall’Università di Padova, saranno chiusi.

Ma non è tutto, perchè anche il Programma di scambio che consente a migliaia di studenti italiani di recarsi nei cam­pus californiani come Berke­ley a Santa Cruz, subirà un ridimensionamento. Allo scadere della convenzione nel 2012, questa non sarà rinnovata per intero e molti flussi di studenti saranno dirottati a Bologna, con una grossa perdita per Padova.

Intanto sono state rese pubbliche delle controproposte alla University of California, affinché non lasci definitivamente Padova. Si pensa ad una nuova gestione del Centro studi di Padova, attra­verso la creazione di un con­sorzio di università interna­zionali, in modo da alleggerire la spesa.

Per quanto riguarda il Programma di scambio invece si vorrebbero costituire 2 corsi per at­trarre gli studenti dagli Sta­ti Uniti: “Certificate Program”, con un offerta varia mirata alla qualità e “Academic Internship Program”, con il quale portare circa 15 studen­ti americani direttamente nei dipartimenti a fare ricer­ca.