Proprio come l'originale cui si ispira, anche l'ennesimo clone di WikiLeaks fa base in Australia e dalla terra dei canguri promette di far tremare cattedre e rettorati in tutto il mondo. Il sito (in lingua inglese) si chiama UniLeaks e si professa un'organizzazione giornalistica impegnata a rendere pubblici gli scandali e il malcostume... (continua...)