test invalsi maturità numero chiuso

studenti valuteranno atenei con un test

Gli studenti universitari valuteranno gli atenei per mezzo di un “progress test”. In altre parole, compilando un questionario strutturato gli iscritti alle università italiane contribuiranno a definirne il merito.

La notizia arriva dal Comitato universitario nazionale, e si inserisce nel dibattito in corso sulla valutazione della qualità degli atenei. Con la riforma Gelmini, infatti, i finanziamenti ministeriali saranno distribuiti non più in base alla grandezza delle università o al numero di iscritti, ma in base al merito. Gli atenei migliori, insomma, riceveranno più fondi.

Tutto sta nel definire dei parametri di valutazione che siano quanto più possibile oggettivi e quindi utili a stilare una classifica che rispecchi effettivamente la realtà accademica italiana.

Oltre ai criteri già utilizzati dal Miur per l’erogazione dei fondi per merito 2009, quindi, in futuro tra i criteri utilizzati ci sarà anche il progress test.

Il test sarà somministrato agli studenti ogni anno, sarà obbligatorio e uguale per tutti gli iscritti allo stesso corso di laurea. Ogni studente rispondendo alle domande contribuirà a una valutazione della didattica del proprio ateneo. In questo modo, i risultati del questionario serviranno ad avere una valutazione su scala nazionale dell’efficacia dei corsi e degli insegnamenti presenti in ogni università.

Quella del test di valutazione da parte degli studenti non è una novità assoluta, nelle facoltà di medicina per esempio la pratica è in uso da anni, ma con la riforma sarà estesa a tutte le facoltà e a tutti gli atenei.