L'ospedale infantile di Managua

Hanno creato siti internet che prima non  esistevano. Hanno messo in rete ospedali che non si erano mai scambiati una diagnosi. Hanno anche fatto una intensa esperienza umana e di vita, oltre che di studio. Alessandro Gallo, Marco Merighi e Daniele Marcon, tre studenti del corso di laurea in Teoria e tecnologia della comunicazione dell’Università Bicocca di Milano grazie al Programma Exchange hanno fatto un’esperienza di studio, ricerca e stage all’estero.

I primi due sono partiti per il Nicaragua grazie a un accordo con l’Universidad Nacional Autonóma de Nicaragua, il terzo per Cuba dove l’accordo è con l’Universidad de Sancti Spiritus José Martì Perez. Alessandro e Marco hanno trascorso tre mesi in Nicaragua svolgendo il lavoro di base per le loro tesi di laurea presso l’Hospital Infantil Manuel De Jesus Rivera “La Mascota” di Managua. Daniele ha fatto il tirocinio per la tesi presso la facoltà di Ingegneria dell’Universidad de Sancti Spiritu a Cuba.

Tutti e tre hanno dimostrato come le tesi di laurea possano essere utili alla società. Il tratto comune ai tre progetti è stato infatti l’uso dell’informatica e di internet per fini di utilità sociale e diffusione delle informazioni. A Managua Alessandro Gallo ha implementato la rete intranet dell’ospedale “La Mascota” che adesso è collegato con altri otto ospedali dipartimentali sparsi per il Paese.

Marco Merighi ha costruito da zero il sito dell’ospedale, che non ne aveva mai avuto uno e ha dedicato parte del suo tempo alla preparazione informatica del personale medico, così da garantire comunicazioni veloci tra i vari ospedali del Nicaragua impegnati nella cura dei più piccoli.

Daniele Marcon, dopo la laurea in Scienze della comunicazione, ha scelto di iscriversi al corso di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione perché appassionato dei meccanismi alla base della comunicazione umana. A Cuba si è occupato di perfezionare il sito della facoltà di Ingegneria dell’Universidad de Sancti Spiritu e di formare il personale dell’Ateneo. Ora Marco, Alessandro e Daniele stanno completando la tesi che discuteranno nei prossimi mesi, ma tutti e tre sognano di continuare a seguire i rispettivi progetti.