scontri iran 12 giugno 2010

scontri iran 12 giugno 2010

La mobilitazione dell’Onda Verde il 12 giugno in Iran non è stata massiccia come quella dello scorso anno, ma l’invito dei leader di opposizione, Mehdi Karroubi e Mir-Hossein Mousavi, a non scendere in piazza per evitare tensioni non ha fermato gli studenti delle università iraniane. Centinaia di loro hanno manifestato infatti sabato per guidare la protesta antigovernativa proprio a un anno dall’elezione irregolare di Mahmoud Ahmadinejad. E come previsto, gli scontri con le forze dell’ordine ci sono stati anche stavolta.

Secondo quanto riportato da blogger iraniani e agenzie di stampa internazionali, scontri tra polizia e manifestanti ci sono stati proprio davanti all’Università di Teheran dove un gruppo di studenti in protesta contro i brogli di un anno fa è stato aggredito con lacrimogeni. Sempre davanti all’ateneo della capitale iraniana ci sarebbero stati forti scontri tra basiji (milizie islamiche) e studenti, lo riporta il sito Persian2English che ha monitorato la vicenda.

Inoltre, il bilancio degli arresti sarebbe di almeno 91 manifestanti – solo a Teheran – fermati dalla polizia e con l’accusa di aver preso parte a una manifestazione non autorizzata.

Intanto, come annunciato, anche a Roma la comunità iraniana ha protestato davanti all’ambasciata di via Nomentana in solidarietà dei connazionali per chiedere la fine della dittatura e rivendicare il diritto alla democrazia.