Sapienza progetto tutor studenti fuori corso 2009

Sapienza progetto tutor studenti fuori corso 2009

Sono 54 mila gli studenti fuori corso nel più grande ateneo di Italia e di Europa: La Sapienza. È “contro” di loro che intende muoversi l’ateneo romano nel prossimo anno accademico.

Ma quale è il quadro degli studenti fuori corso? I “senior”, ovvero coloro che si sono iscritti prima del 2000 sono 17.690, di cui circa mille stanno scrivendo la tesi di laurea e 4.705 hanno in sospeso ancora tra l’uno e i 5 esami. I fuori corso del nuovo ordinamento sono invece 33.412 .

Per loro il rettore Luigi Frati ha deciso la creazione di un “patto di collaborazione” studente-ateneo: “Laurea tutoring” ovvero corsi di recupero ad hoc e docenti tutor a disposizione, anche via mail, per agevolare i fuori corso e cercare di risolvere le loro difficoltà.

Per chi accetterà questo percorso speciale ci sarà anche un nuovo status: verranno iscritti ad un “tempo parziale speciale”: l’ateneo offre altri tre anni per arrivare alla laurea, dopo scatta l’aumento delle tasse del 50%.

E per chi non accetta tutto il pacchetto l’incremento del 50% della rata partirà già dall’anno accademico 2010/2011.

Tra le alternative proposte c’è anche quella di transitare nei corsi di nuovo ordinamento, purché si abbiano almeno 40 crediti per chi vuole passare alla laurea triennale e 200 per le magistrali.

Anche in questo caso però, il percorso di studi va completato in 3 anni se si passa al triennio, in 2 se ci si iscrive alla specialistica