riscatto anni laurea

La procedura di riscatto degli anni di laurea ai fini pensionistici consente di coprire con i contributi la durata legale del corso di studi (non sono ammessi gli anni fuori corso), per renderla valida ai fini del calcolo dell’età pensionabile e del computo della pensione stessa.

Dal 1997, il riscatto degli anni di laurea si estende anche ai corsi di studio universitari a seguito dei quali siano stati conseguiti i diplomi universitari (corsi di durata non inferiore a due anni e non superiore a tre), come la laurea di primo livello e la laurea magistrale, alle scuole di specializzazione ed al dottorato di ricerca (successivi alla laurea di durata non inferiore a due anni), purché non siano stati retribuiti.

Il riscatto degli anni di laurea è possibile dopo aver conseguito il titolo che si vuole riscattare e solo se si ha versato almeno un contributo settimanale all’INPS nel corso della propria vita assicurativa.

Per questo è necessario, nel momento in cui si richiede il riscatto degli anni di laurea, essere in possesso del certificato rilasciato dall’università che attesti il conseguimento del titolo e del modello 01M/sost. rilasciato dal datore di lavoro e attestante la retribuzione posseduta al momento della domanda.

Il riscatto degli anni di laurea comprende anche:

  • la laurea conseguita all’estero purché sia riconosciuta o abbia un valore legale equipollente in Italia
  • le lauree in teologia o in altre discipline ecclesiastiche conseguite presso facoltà riconosciute dalla Santa Sede
  • i periodi di studio per conseguire il diploma di tecnico di audiometria, fonologopedia e audioprotesi rilasciato da una scuola universitaria

La domanda per il riscatto degli anni di laurea va inoltrata presso la propria sede INPS o uno degli enti di patronato riconosciuti dalla legge e può essere e presentata in qualsiasi momento. E’ consigliabile, tuttavia, farlo al più presto poiché l’importo da versare per il riscatto degli anni di laurea aumenta quanto più si avvicina il momento del pensionamento: calcolo riscatto laurea.

Il riscatto degli anni di laurea può essere chiesto da lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, lavoratori iscritti ai fondi speciali di previdenza e lavoratori soggetti al contributo per il lavoro parasubordinato (collaboratori coordinati e continuativi, venditori porta a porta, liberi professionisti senza cassa di categoria).

L’ultima riforma ha introdotto la possibilità di effettuare il riscatto degli anni di laurea anche a chi non ha ancora un lavoro.