proteste sui tetti

Studenti e ricercatori sui tetti, dove hanno ricevuto anche la visita di alcuni esponenti politici. Cortei e occupazioni in tutta Italia. E nella Capitale due arresti e 27 persone denunciate per i disordini su cui ora la Digos indaga, dal momento che ci sono stati feriti sia tra i manifestanti che tra le forze dell’ordine.

Tra i denunciati almeno otto hanno partecipato al tentativo di entrare nell’atrio di Palazzo Madama, dove sono state anche lanciate uova contro il portone d’ingresso. Gli uomini delle forze dell’ordine hanno dovuto trascinare all’esterno dell’edificio alcuni manifestanti.

Al Senato i manifestanti sono stati respinti dalla polizia, ma altri tentativi di entrare nei luoghi del potere sono avvenuti presso la residenza del presidente del consiglio in via del Plebiscito, e contatti con le forze dell’ordine sono avvenuti in più punti attorno al Parlamento.

Il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini ha parlato di strumentalizzazioni e di sceneggiate a proposito della visita agli studenti saliti sui tetti da parte del segretario del Pd Pierluigi Bersani e del leader Idv Antonio Di Pietro. Bersani ha anche annunciato che nel caso vada al governo il suo partito la riforma dell’università sarà “cancellata”.

Il ministro Gelmini da parte sua assicura che i fondi necessari – un miliardo di euro – sono stati trovati e sono sufficienti. E dichiara che chi contesta il provvedimento del governo difende “i baroni i privilegi e lo status quo”.