napolitano discorso università anno scoltastico

napolitano riforma università

In questi giorni di attivismo, dopo il via libera della riforma al Senato, le voci dei ricercatori e del mondo universitario contrari alla riforma non si sono fatte attendere. In risposta ai tanti messaggi di preoccupazione che ha raccolto il quotidiano Repubblica, il Presidente Napolitano ha indirizzato una sua lettera per sottolineare l’importanza di un “confronto costruttivo” tra tutte le parti politiche.

La lettera è indirizzata al professore Bartolomeo Azzaro, pro-Rettore alla Sapienza di Roma per lo Sviluppo delle Attività Formative e di Ricerca, per ricordare che un confronto in Parlamento nei prossimi step della riforma, rappresenta un passo fondamentale per l’università e la ricerca, che sono il fulcro “della crescita economica e lo sviluppo culturale e civile del Paese”.

Il Presidente della Repubblica ha toccato poi uno degli argomenti più dibattuti, ovvero i fondi da destinare alla ricerca e al mondo universitario, in quanto è necessario “salvaguardare la spesa pubblica per investimenti, in modo particolare quelli per la ricerca e per l’alta formazione, apprezzando l’impegno del Ministero dell’Economia a affrontare seriamente il problema del fondo di finanziamento dell’Università”.

Repentine le prime reazioni al monito del Presidente, una tra le tante quella di Pantaleo, Segretario CGIL, che “finora – ha detto – si è proceduto senza alcun confronto e che alcuni contenuti del ddl dell’università passati al Senato, sono inaccettabili”.