rettore politecnico milano laureati all'estero

rettore politecnico milano laureati all'estero

Circa il 10 per cento dei migliori laureati italiani è pronto a lasciare il paese per cercare opportunità di lavoro all’estero . A dirlo è stato il rettore del Politecnico di Milano, Giulio Ballio, intervenuto per la presentazione del Fondo per l’Innovazione del Politecnico. Chi se ne va fuori non appena terminato il percorso di studi, insomma, sono proprio i più bravi.

“In questi anni circa il 10% dei nostri laureati, ovviamente i più bravi, lascino l’Italia per andare immediatamente a lavorare all’estero” ha dichiarato il rettore del Politecnico lombardo, che ha cercato anche di dare una risposta al fenomeno della fuga dei cervelli talentuosi.

Il problema principale secondo Ballio è proprio la scarsità di opportunità offerte da un paese come l’Italia. Non è solo una questione di crisi, ma ci sarebbero anche delle mancanze “strutturali“. Tra gli esempi riportati dal rettore a proposito, la scomparsa della ricerca industriale, come quella del settore chimico.