Di Orio denuncia Tg3

Di Orio denuncia Tg3

L’Università de L’Aquila “non può essere ritenuta responsabile per la tragedia della Casa dello studente”. Con queste parole il rettore dell’Ateneo aquilano, Ferdinando di Orio, ribadisce la non colpevolezza dell’università di cui è responsabile.

È per questo che ha spiegato alla stampa il motivo per cui ha adito un’azione legale per diffamazione aggravata a mezzo stampa contro il Tg3 Regionale, che alludeva a ipotetiche responsabilità dell’Ateneo circa il crollo della Casa dello Studente.

In un servizio realizzato per i 6 mesi dalla tragedia del crollo della Casa dello Studente infatti il padre di una delle vittime parla di responsabilità dell’Ateneo.

“Si sta cercando di gettare fango sull’Università invece di salvaguardare la principale risorsa di questa città. Nel servizio del Tg – ha spiegato di Orio – il padre di uno dei nostri ragazzi morti quella notte, tira in ballo le responsabilità dell’università”.

Secondo il rettore, che ha ribadito la sua vicinanza alle famiglie colpite dalla perdita dei figli, le accuse contro l’ateneo aquilano sarebbero “lesive nei confronti dell’ente”.

Per Iorio infatti è “un’infamia pensare delle nostre responsabilità in questa vicenda”. Come altri anche il rettore dell’Università de L’Aquila era stato tranquillizzato con la rassicurazione che si trattava solo di un “innocuo sciame sismico con lento scarico di energia”