policlinico gemelli

Hanno perfino superato il record dell’anno scorso: sono gli 8.794 candidati per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e chirurgia e Odontoiatria e protesi dell’Università Cattolica di Roma.

Il più alto numero mai registrato in tutta la storia della facoltà di Medicina, che proprio quest’anno celebra il suo cinquantesimo compleanno: “Questo dato ci inorgoglisce – dichiara il preside della facoltà, Rocco Bellantone – e fa accrescere la nostra responsabilità verso i giovani studenti e verso le loro famiglie”.

A contendersi i 300 posti di Medicina sono 8.244 giovani studenti, mentre i candidati in concorso per i 25 posti di Odontoiatria sono 550. In entrambe le situazioni c’è una prevalenza delle donne rispetto agli uomini, soprattutto nel primo caso, dove le studentesse sono 5.215 e i maschi 3.029.

Le aspiranti matricole appartengono un po’ a tutte le regioni d’Italia. La maggior parte provengono, oltre che dal Lazio, anche dalla Puglia, dalla Sicilia, dalla Calabria, dalla Campania, dalla Basilicata e dalla Lombardia. In poche parole, l’ateneo romano ha registrato un 13 per cento in più di candidati rispetto allo scorso anno accademico, di cui una grande fetta è soprattutto del Sud.

Mercoledì 11 aprile a Roma e a Milano si terrà la prova scritta: i ragazzi provenienti dal Lazio e dal Centro-Sud si dovranno recare in una struttura che si trova nella capitale e quelli del Nord, invece, dovranno andare nella sede milanese della Cattolica. In questa prima fase, assieme agli scritti verrà valutato anche il percorso formativo del terzo e del quarto anno delle superiori, e non più solo il voto di maturità.

I primi 900 potranno poi accedere alla prova orale, che si svolgerà dal prossimo 23 luglio solo presso L’Università Cattolica di Roma. La modalità di selezione a doppio turno, diversa da quella finora adottata, è stata decisa per poter selezionare gli studenti più meritevoli e più predisposti agli studi nel settore medico.

Il record di candidati registrato quest’anno è un “tangibile riconoscimento della qualità e del rigore” della facoltà di Medicina della Cattolica di Roma, che inoltre “può avvalersi – spiega il preside Rocco Bellantone – di un centro di eccellenza quale il Policlinico Agostino Gemelli”.