Studenti sciopero Cgil

protesta studenti lettere palermo

Striscioni, manifesti e abiti da barboni. Hanno protestato così ieri, gli studenti di lettere e filosofia dell’Università di Palermo. Il motivo? Un provvedimento comunicato troppo tardi che anticipa di circa venti giorni le scadenze fissate per i laureandi a marzo, vale a dire quelle che riguardano la consegna della tesi e la possibilità di dare gli ultimi esami.

La notizia, era stata comunicata inaspettatamente agli studenti durante il periodo natalizio. E alcuni tra i ragazzi che avevano in programma di concludere il percorso universitario a marzo, hanno dovuto rimandare la laurea alla sessione estiva vedendosi costretti a pagare le tasse per il nuovo anno accademico.

Un’ingiustizia, secondo i rappresentanti degli studenti, che giovedì chiederanno al Preside una sessione straordinaria di lauree ad aprile in modo da evitare che i diretti interessati debbano pagare le tasse un’altra volta, con tanto di mora.

Proprio per protestare contro il doppio pagamento delle tasse universitarie, alcuni studenti si sono travestiti da barboni. Stando a quanto dichiarato dai rappresentanti degli studenti, la questione riguarderebbe 200 laureandi.