procuratore aquila indagati crollo casa studente

procuratore aquila indagati crollo casa studente

Sono dodici gli avvisi di garanzia emessi dalla Procura dell’Aquila per il crollo della Casa dello Studente del capoluogo abruzzese. A confermarlo è il titolare dell’inchiesta il procuratore Alfredo Rossini.

Sono certi quindi i numeri che fino a questa mattina si attestavano intorno ad un numero maggiore di venti indagati. Le accuse per indagati sono di omicidio e disastro colposo ma non è escluso l’inserimento anche del dolo.

In questi giorni gli indagati “riceveranno – spiega Rossini – la comunicazione giudiziaria con l’imputazione e li inviteremo a comparire per l’interrogatorio”. La fase dell’interrogatorio sarà “molto importante – continua il procuratore – perché queste persone per la prima volta potranno entrare in una dialettica processuale e dare le loro spiegazioni“.

Dalla dialettica processuale si potrà finalmente definire quindi se “se sono estranei ai fatti o se dovremo procedere nei loro confronti per le indagini preliminari e il processo”.

Il procuratore Rossini ha sottolineato infine che la Casa dello Studente è solo uno dei crolli dopo il tragico terremoto del 6 aprile scorso, su cui si indaga. Il passo successivo sarà il Convitto.