master post laurea

Gli universitari in possesso dei requisiti di merito possono ottenere prestiti per master post laurea, agevolati e senza garanzie.

L’opportunità riguarda sia gli studenti italiani che intendono frequentare master all’estero, sia quelli stranieri che intendono frequentare master in Italia.

Va da sé che possono beneficiare di prestiti per master post laurea, anche gli italiani che intendono restare in Italia per cogliere le interessanti opportunità formative offerte da un master post laurea.

Questi finanziamenti si basano, come i prestiti d’onore per i corsi di laurea, sul possesso dei requisiti di merito e sulla necessità economica.

I prestiti per master post laurea presentano alcune differenze rispetto alla tipologia di prestiti d’onore appena citata.

Anzitutto l’importo annuo che può essere superiore, anche 10 mila euro, rispetto ai 6 mila previsti per la frequenza del corso di laurea. Non è sempre così, l’importo dei prestiti per master post laurea può essere standard sia per i corsi di laurea che per i master. Le condizioni dipendono dalle convenzioni siglate tra gli atenei e gli istituti bancari.

Possono cambiare anche i requisiti di merito, che nel caso del prestito d’onore ai fini degli studi pre –laurea riguardano i Crediti Formativi Universitari e nel caso del Master post laurea riguardano l’ammissione stessa del laureato alla frequenza del Master, il voto di laurea o della maturità o altri test standardizzati.

Nel caso del Master cambia anche la durata del prestito, vincolata, in genere, alla durata del Master stesso. Di solito la durata massima è di un anno, mentre per il corso di laurea è di due.

Se ci si iscrive ad un altro master, la durata può essere prorogata per un altro anno o per la durata del nuovo master e comunque per un periodo non superiore a 3 anni.

Per trovare il prestito per master post laurea, agevolato senza garanzie, adatto alle proprie esigenze, bisogna consultare l’università, ma anche le banche, perché alcuni istituti, anche sulla base delle convenzioni siglate con gli atenei, prevedono specifiche modalità di utilizzo del prestito.