praticantato avvocato professione

praticantato avvocato professione

Conseguita la laurea in Giurisprudenza inizia l’avventura nel mondo del praticantato da avvocato: prima di poter conseguire il titolo, infatti, è necessario svolgere i due anni, o uno nel caso si prosegua la formazione in una Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, di praticantato che consente l’accesso all’Esame di Statodi avvocato.Per “trovare” uno studio legale che consenta lo svolgimento del praticantato di avvocato previsto per legge si può procedere sia autonomamente, se si hanno conoscenze nell’ambito, oppure recandosi al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati della propria città, o anche di un’altra, tenendo presente però che l’Esame si svolgerà presso la Corte d’Appello nel cui distretto si è compiuto il maggior numero di ore di praticantato da avvocato.

 

E’ da tenere presente poi che il “mentore” potrà essere un avvocato con almeno due anni di anzianità. Al momento dell’iscrizione al Consiglio dell’Ordine, requisito fondamentale per iniziare il praticantato per diventare avvocato, si riceverà un libretto numerato e vidimato dal Presidente, diviso in tre parti.

La prima riguarda le udienze alle quali si assiste, la seconda parte del libretto riguarda gli atti processuali o stragiudiziali più rilevanti ai quali si è collaborato nella redazione, la terza parte riguarda infine le questioni giuridiche di maggiore interesse a cui si ha assistito o collaborato.

Nota dolente per i giovani aspiranti avvocati nel praticantato da avvocato è la retribuzione. Per diventare avvocato, economicamente parlando infatti non sono dovuti per legge corrispettivi durante il praticantato da avvocato.

Tuttavia il Codice Deontologico Forense prevede all’art. 26 – (Rapporti con i praticanti) che “L’avvocato deve fornire al praticante avvocato un adeguato ambiente di lavoro ,riconoscendo allo stesso, dopo un periodo iniziale, un compenso proporzionato all’apporto professionale ricevuto”. Tuttavia questo rimane alle discrezioni dell’avvocato “tutor”.

Oltre che dalle norme dell’ordinamento forense, l’attività del praticantato da avvocato abilitato al patrocinio è disciplinata dagli artt. 2229-2238 del codice civile relativi alla professioni intellettuali.