scampia università petizione

scampia università petizione

Una petizione per l’università a Scampia. La periferia nord della città di Napoli, nota per episodi di criminalità e una convivenza critica tra case occupate e un disagio diffuso, chiede alla Giunta Regionale della Campania di rimpugnare la delibera che ha annullato pochi giorni fa l’autorizzazione a costruire la Facoltà di Medicina della Federico II di Napoli, proprio a Scampia.

La notizia e l’appello sono promossi da Fuoricentroscampia.it, il quindicinale di informazione online  a carattere fortemente territoriale. L’obiettivo è raccogliere le firme da destinare al Presidente della Giunta Regionale della Campania, Stefano Caldoro, all’Assessore regionale all’Università, Guido Trombetti, responsabile dell’accordo firmato in qualità di Rettore della Federico II, e infine al Sindaco di Napoli, Rosa Iervolino Russo.

Il progetto era stato approvato grazie a un finanziamento europeo di 21 milioni e 450 mila euro, e nei giorni scorsi è arrivato dalla giunta l’annullamento con delibera N. 533/2010 per ragioni di “razionalizzazione finanziaria”. E’ necessario, si legge nell’appello, ripristinare e ridare valore giuridico all’accordo, per da una possibilità a Scampia di riqualificazione e soprattutto di crescita culturale e sociale alle persone che ci vivonoo tra grandi difficoltà.

Scampia deve “vedere riconosciuto pienamente il suo diritto ad esistere”, sottolineano i primi firmatari, per permettere ai suoi abitanti e ai giovani di “aspirare alla felicità”.