Sila Orientamento Normale Pisa

Sila Orientamento Normale Pisa

Sarà la suggestiva cornice di Camigliatello Silano (Cosenza), nel cuore della Sila ad ospitare la settimana di orientamento organizzata dalla Normale di Pisa.

Il campus di orientamento settimanale, si è aperto ieri con una lezione dell’archeologo Salvatore Settis, direttore della Normale di Pisa. L’accesso alla settimana di orientamento è “riservato” ai 90 migliori studenti che inizieranno a settembre l’ultimo anno delle scuole superiori.

“Il corso di Camigliatello – spiega la Normale di Pisa in una nota – che dal 2005 è organizzato in collaborazione con la Fondazione Napoli 99 e che quest’anno ha ricevuto anche il sostegno della Regione Calabria, permetterà ai ragazzi, selezionati per meriti scolastici, di essere ospitati a titolo completamente gratuito a Torre Camigliati, all’interno della suggestiva scenografia del Parco Old Calabria”.

Lo scopo? Vivere per una settimana la vita di uno studente universitario in un campus, ascoltando lezioni tenute da noti docenti con momenti di approfondimento, scambio culturale, confronto. “Un’esperienza stimolante – spiega la nota – grazie alla quale i giovani potranno approfondire gli interessi personali e maturare una scelta consapevole per il futuro”.

La settimana si concluderà lunedì 27 luglio. Ma da dove provengono gli studenti più meritevoli tra gli istituti superiori italiani? Arriveranno al campus di orientamento della Normale di Pisa 13 ragazzi dal Lazio, 11 dalla Puglia, dieci dalla Campania, dieci dalla Calabria, sette dalla Lombardia, sette dalla Sicilia, sei dalla Toscana, sei dal Veneto, cinque dall’Emilia Romagna, tre dalle Marche, tre dall’Abruzzo, tre dalla Basilicata, tre dal Piemonte, due dall’Umbria e uno dal Belgio.

Saranno molti di più però gli studenti che potranno ascoltare le lezioni di Camigliatello Silano: “grazie alle piattaforme tecnologiche messe a disposizione da Telecom Italia, altri 1.500 studenti segnalati dai presidi degli istituti superiori avranno l’opportunità, da casa, di assistere attraverso il web – conclude la nota dell’ateneo pisano – ad una selezione delle lezioni tenute in alcuni corsi di orientamento”.