test d'ammissione per le Professioni sanitarie 2016

Dopo una breve pausa, si riparte con le prove di selezione per i corsi di laurea a numero programmato a livello nazionale. Questa volta tocca al test d’ammissione per le Professioni sanitarie 2016, che coinvolgerà decine di migliaia di studenti in tutta Italia. L’avvio della prova scatterà ovunque alle ore 11.00, anche se ciascuna sede ha predisposto un proprio questionario. Il tempo a disposizione per svolgere il test sarà per tutti pari a un’ora e quaranta minuti.

Saranno circa 82mila gli studenti che tenteranno di accaparrarsi uno dei posti disponibili – 25.240 in totale – per l’immatricolazione ai corsi di laurea abilitanti all’esercizio delle professioni sanitarie infermieristiche e ostetrica, della riabilitazione, tecniche e della prevenzione per l’anno accademico 2016-2017. Il test d’ammissione per le Professioni sanitarie 2016 coinvolgerà 37 atenei statali.

Il rapporto tra il numero di candidati che si sono iscritti alla prova e il numero di posti è di 3,2 a uno, non particolarmente sfavorevole dunque. Questo anche perché le professioni sanitarie, dopo un grande boom, da qualche anno a questa parte sembrano perdere un po’ di appeal. Il numero degli iscritti al test d’ammissione per le Professioni sanitarie 2016 è, infatti, in calo rispetto a quello di coloro che sostennero la prova dodici mesi fa (86.670) e ancor più rispetto a quello del 2014 (88.230), che già di per sé era stato nettamente inferiore a quello del 2013 (102mila), il quale a sua volta non aveva raggiunto i numeri del 2012 (114.700 iscritti).

Dopo il test d’ammissione per le Professioni sanitarie 2016 il calendario delle prove nazionali prevede per domani l’appuntamento con quello per i corsi di laurea in Medicina in lingua inglese. Poi ci sarà un lungo stop fino al prossimo 6 ottobre, data nella quale è fissato il test d’ammissione a Scienze della Formazione primaria, con il quale anche quest’anno si concluderà la fase di selezione delle matricole.

In attesa degli ultimi test, esercitati con le simulazioni gratuite di Universita.it