University of Florida

Cattive notizie arrivano dall’Università della Florida, coinvolta in questi giorni in un episodio delicato e difficile da affrontare. Bernie Machen, il preside, lo ha definito, in una email destinata ai suoi studenti, “un grave incidente di nonnismo fisico”: ma quanto accaduto tra i membri della confraternita Alpha Phi Alpha, al momento sospesa, non è ancora del tutto chiaro.

A quanto pare, l’incidente, che fortunatamente non ha causato vittime, è accaduto fuori dal campus universitario e risale comunque a qualche settimana fa. La notizia è però arrivata alle orecchie delle autorità universitarie soltanto qualche giorno fa. Adesso è la polizia dell’Università della Florida ad investigare sul caso.

Fondata alla Cornell University di Ithaca, a New York, nel lontano 1906, la confraternita si è dichiarata pronta a collaborare e ha più volte sottolineato, attraverso una dichiarazione rilasciata dal suo direttore esecutivo, il rammarico per l’accaduto: “Il nonnismo è pericoloso e illegale e deve finire”, si legge, in maiuscolo, nelle ultime righe della nota. E poi ancora: “Riconosciamo che il nonnismo è una piaga sociale persistente e che ha mostrato più volte di essere difficile da sradicare”. Frasi che criticano fortemente gli atti di nonnismo e ne sottolineano la tolleranza zero si leggono anche sul loro sito web.

Parole dure anche dal preside Machen che, nella mail, ricorda che in Florida il nonnismo è classificato come un crimine. L’obiettivo è quello di supportare la fase delle indagini, rafforzando all’università il divieto contro ogni forma di nonnismo e chiedendo proprio agli studenti di contribuire nella lotta contro questi comportamenti pericolosi e distruttivi. L’incidente, tra l’altro, arriva quasi dopo un mese da un’altro episodio di nonnismo, che aveva coinvolto quattro studenti dell’Università A&M, sempre in Florida, arrestati per la morte di un giovane studente.

Esattamente un anno fa, negli Usa, in Ohio, un’altra confraternita, Psi Phi il nome, era stata coinvolta in un episodio di cronaca nera: a seguito di una sparatoria, uno studente di 25 anni è deceduto e 11 ragazzi sono rimasti feriti.