Pannelli solari

Venerdì 17 dicembre l’Università Federico II di Napoli ospiterà un incontro rivolto agli studenti universitari che vogliano approfondire il tema della responsabilità sociale d’impresa, in inglese corporate sociale responsibility (Csr). Promosso dall’Aiesec, l’associazione più diffusa al mondo che si occupa di mobilità internazionale degli studenti, l’evento nazionale “Youth driven sustainable change” avrà al centro l’etica e l’ecosostenibilità applicate all’economia, con una particolare attenzione alle ricadute occupazionali del fenomeno.

Dopo gli interventi d’apertura i tre gruppi di discussione previsti hanno proprio come oggetto le tre “e”: ecologia, economia, equità. Guidati da giornalisti economici, esperti dei rispettivi settori, di Csr e rappresentati delle aziende, i partecipanti ragioneranno su come coniugare qualità della vita, business e rispetto per le risorse ambientali.

Raccogliere idee concrete e creare un ponte tra università e imprese attraverso il confronto diretto. L’iniziativa organizzata dall’Aiesec, associazione studentesca presente in 1.100 università di 107 Paesi, entra nel solco degli obiettivi prioritari dell’associazione, specializzata nell’offrire agli studenti opportunità di studio all’estero durante il corso dell’università.

La responsabilità sociale, dunque, rappresenta un elemento ormai indispensabile nella formazione di chi accede al mondo del lavoro e da qui parte l’idea del workshop. “Noi rappresentiamo i giovani che hanno la possibilità di accedere all’educazione universitaria – spiega Giulia Ferrero, presidente di Aiesec Italia -. Per questo per Aiesec è importante che i giovani prendano coscienza di che cosa significa responsabilità sociale d’impresa: non soltanto attività filantropiche o iniziative a sé stanti, ma uno stile che bisogna applicare quotidianamente nel proprio lavoro”.