sdes laboratory universita palermo

Per la gioia degli ambientalisti e dei fautori dell’energia pullita, continua a crescere l’interesse e l’attenzione dei Centri di ricerca universitaria degli atenei italiani per lo sviluppo e la messa a punto di soluzioni che utilizzino l’idrogeno come fonte di energia.

Dopo la presentazione di IDRA08, il motore a idrogeno del Politecnico di Torino, presso la conferenza internazionale Ever 2009 di Monaco di Baviera, sono appena stati presentati i risultati delle ricerche condotte dallo Sdes Lab dell’Università di Palermo, focalizzate sull’idrogeno come carburante per auto ecologiche e veicoli elettrici per disabili.

Diretto dal Prof. Rosario Miceli, lo Sdes Lab è il laboratorio per lo sviluppo sostenibile e il risparmio energetico del Dipartimento di Ingegneria elettrica, elettronica e delle Telecomunicazioni dell’Università di Palermo, e rappresenta un vero e proprio punto di riferimento in Europa per le ricerche sulle energie rinnovabili e la loro gestione, nonché l’unica realtà italiana a possedere una cella a idrogeno di sei kilowatt, pari alla potenza utilizzata abitualmente da due appartamenti.

Da diversi anni, i ricercatori dello Sdes Lab si occupano di dell’utilizzo dell’idrogeno nell’ambito dei trasporti e nel campo della generazione di energia, simulando azionamenti elettrici per le automobili e abitazioni attraverso la trasformazione dell’energia solare in idrogeno per mezzo di pannelli fotovoltaici.

In seguito alla presentazione delle ultime ricerche presso l’Ever 2009 di Monaco, i due colossi internazionali nel campo delle telecomunicazioni e dell’elettricità, Telefonica ed EDF, hanno commissionato allo Sdes Lab uno studio per la realizzazione di abitazioni che di auto-producano energia termica ed elettrica, cedendo quella in eccesso ad altre case non solo dello stesso quartiere, ma anche della medesima città e dell’intero Paese.