scienze motorie

Se siete appassionati di sport e benessere, la Laurea in Scienze Motorie non può che fare al caso vostro.

Gli Atenei che attivano facoltà dedicate alle Scienze Motorie sono ben 32, distribuiti in maniera piuttosto omogenea su tutto il territorio nazionale.

Si va da Atenei antichi come Padova e Bologna, a quelli di città all’avanguardia come Roma o Milano, ma non manca un Corso di Laurea in Scienze Motorie nemmeno presso la facoltà di Scienze dell’Educazione Motoria di Chieti, quella di Scienze del Benessere di Campobasso e quella di Scienze Motorie e del Benessere di Enna.

La Laurea in Scienze Motorie fornisce agli studenti una preparazione scientifica nei vari campi delle attività motorie dell’uomo: tecnico-sportiva, educativa, preventiva, manageriale.

Nell’area tecnico-sportiva si imparano la teoria e i metodi didattici delle varie discipline sportive. Nell’area preventiva vengono acquisite conoscenze sullo stile di vita più adeguato per mantenere il corpo sano e prevenire eventuali malattie derivanti dalla troppa sedentarietà. L’area manageriale è dedicata all’apprendimento di quelle nozioni giuridico-amministrative che regolano il mondo delle attività motorie e saranno utili ai futuri manager del mondo dello sport. L’area educativa forma, infine, all’educazione motoria espressivo-comunicativa con un’attenzione particolare allo sviluppo motorio in età evolutiva.

Per l’ammissione alle Facoltà di Scienze Motorie e di Scienze Motorie e del Benessere dovrete avere nozioni di biologia, matematica, fisica e chimica. Non vi spaventate, non occorre essere professori, bastano le conoscenze che avete appreso alle scuole superiori. Certo, se siete stati un po’ pigri un ripassino in vista del test di inizio corso va fatto. Esistono ottimi manuali, ma anche corsi veri e propri per la preparazione ai test d’ammissione universitari.

Per frequentare il Corso di Laurea in Scienze Motorie bisogna, infatti, superare un test che acquista valore di selezione solo se il numero delle richieste di immatricolazione ecceda il numero programmato. Se non passate il test, esistono corsi, attivati dalle università stesse, per recuperare eventuali debiti formativi.

Ma che cosa si fa una volta conseguita la Laurea in Scienze Motorie? Innanzitutto si diventa a pieno titolo professionista o tecnico delle attività motorie e sportive e si lavora come insegnanti di educazione fisica, preparatori atletici. Ma non solo. L’Esperto in Scienze Motorie può ricoprire ruoli manageriali in organizzazioni sportive, gestendo gli impianti o il personale. Può diventare dirigente sportivo, operatore del CONI o supervisore di gare e di attività sportive che necessitano di normative specifiche. Può lavorare, in sostanza, sia nel settore pubblico che in quello privato.

Ecco nel dettaglio dove prendere una laurea in Scienze Motorie: