ingegneria edile

Il corso di laurea in Ingegneria Edile mira a formare tecnici specializzati nelle tecniche di costruzione edilizia, urbanistica e di recupero. Data l’esigenza di applicazione sul campo delle discipline studiate, buona parte della didattica è incentrata su esercitazioni pratiche e attività di laboratorio. Chi consegue una laurea in Ingegneria Edile saprà al termine del corso di studio adottare le corrette tecniche e metodologie per affrontare interventi di ristrutturazione e costruzione di opere edilizie di livello avanzato, impiegando software specifici e interpretando correttamente i dati elaborati. La conduzione del cantiere e attività di supervisione sono attività che ben si prestano a quanti completeranno tale ciclo di studi.

Quanti prediligono l’architettura potranno scegliere la laurea in Ingegneria Edile e Architettura, corso proposto da diversi atenei. In questo caso gli studenti saranno formati anche sulla storia dell’architettura dell’edilizia, dell’urbanistica, del restauro con interesse verso la conoscenza di strumenti e metodologie operative di intervento con un approccio interdisciplinare strettamente correlato all’architettura. Il laureato che avrà completato il percorso di studio in Ingegneria Edile e Architettura potrà divenire architetto sostenendo l’esame di stato.

Percorsi di Studio e requisiti

Al termine di una laurea  in Ingegneria Edile si è specializzati nelle costruzioni prettamente edili (differenziandosi dalla laurea in ingegneria civile che contempla la progettazione di infrastrutture nel senso più ampio del termine, dai trasporti all’idraulica alle grandi opere civili). Solitamente le università che propongono il corso di laurea in Ingegneria Edile prevedono anche l’affiancamento di materie legate all’architettura necessarie per dare conoscenze legate alle scelte estetiche nella fase di progettazione e realizzazione degli edifici. Tra le materie caratterizzanti che saranno affrontate ci sono disegno tecnico, scienza dei materiali, geotecnica, geometria, tecnica delle costruzioni oltre che discipline applicate come chimica edile, fisica, analisi matematica. Per accedere alla laurea in Ingegneria Edile è bene aver una buona conoscenza delle materie scientifiche e abilità nel disegno tecnico oltre che conoscenze di informatica.

Prospettive di lavoro

Chi conseguirà una laurea in Ingegneria Edile sarà in grado di sviluppare la progettazione, la verifica e coordinare l’esecuzione di opere di urbanistica e architettura sia nel settore delle nuove costruzioni sia nel recupero edilizio o conservazione del patrimonio storico-artistico esistente. Gli sbocchi professionali dunque di un laureato in Ingegneria Civile sono orientati verso aziende dedite alla progettazione di complessi edilizi, interventi di recupero e restauro del patrimonio edilizio, progettazione di interventi di pianificazione urbanistica. I soggetti presso cui poter trovare impiego sono istituzioni ed enti pubblici e privati, studi professionali, società di progettazione, aziende che producono componenti edilizi o imprese di costruzioni.

Dove conseguire la laurea in Ingegneria Edile

Tra le città che ospitano atenei che offrono un corso di laurea in Ingegneria Edile troviamo Torino, Pisa, Palermo, Napoli, Firenze. Quanti invece prediligono lo studio affiancato all’architettura (corso di laurea in Ingegneria Edile e Architettura) potranno orientarsi verso il Politecnico di Milano, Pisa, Padova, Perugia, Roma anche se l’offerta è molto ricca anche in numerose altre città.

Ecco nel dettaglio dove prendere una laurea in Ingegneria Edile: