Influenza A

Per non creare facili allarmismi e placare le paure nate intorno all’influenza A da virus H1N1 che in questo periodo ha fatto anche alcune vittime, il Rettore dell’Università d’Annunzio di Chieti Franco Cuccurullo, ha pensato di parlare agli studenti con un video che fa parte della rassegna stampa settimanale, pubblicato sul sito dell’ateneo.

Il Rettore è anche Presidente del Consiglio Superiore di Sanità e nel video sottolinea come sia importante che da un lato non si creino facili allarmismi sull’influenza, ma anche al contrario che non bisogna sottovalutarla. L’equilibrio in sostanza gioca un ruolo importante nella vicenda. Sempre secondo il Rettore, è importante che siano prese in considerazione per prime le categorie “a rischio” per le quali è prevista la vaccinazione.

E ancora secondo il Rettore è da prendere ad esempio la Svezia dove il 90% dei medici si è sottoposto a vaccinazione, al contrario dell’Italia dove la risposta alla vaccinazione è bassa da parte degli operatori sanitari, spesso per un problema etico di fondo.

Per quanto riguarda invece la scarsità delle dosi del vaccino a disposizione, oggetto di numerose polemiche in Italia e nelle singole Regioni, secondo il Rettore dell’Università di Chieti “dipende dalla lentezza della distribuzione delle case farmaceutiche, non certo da una inefficienza del Servizio Sanitario Nazionale”.

Per chi desidera ricevere informazioni aggiornate e rapide sull’influenza, l’Università d’Annunzio offre “Filo diretto con l’esperto”, un servizio di informazione e approfondimento personalizzato, sul sito dell’Università d’Annunzio di Chieti-Pescara.