laurea 97 anni

“Non è mai troppo tardi” per diventare dottori, nemmeno se si appartiene alla classe 1915. Ѐ quanto dimostrato in Australia da Allan Stewart, che alla veneranda età di 97 anni è riuscito a conseguire una laurea presso l’Università Southern Cross di Lismore, stabilendo un nuovo Guinness dei primati. Uno straordinario esempio di come anche con i capelli bianchi la conoscenza non possa avere limiti.

L’anziano uomo non è nuovo a questo tipo di primati. Già nel 2006, infatti, era entrato nei Guinness come il laureato più vecchio al mondo, ottenendo un diploma in legge e completando gli studi in soli quattro anni e mezzo al posto di sei, come invece previsto dal corso frequentato. Ciò per paura di non avere tempo a sufficienza per raggiungere l’obiettivo meditato. Adesso, a ben 97 anni, batte il suo stesso vecchio record, conseguendo un master in Scienze cliniche – Medicina complementare.

Allan Stewart ha alle spalle una lunga carriera da dentista. Risale, infatti, al 1936 la sua prima laurea in Chirurgia dentaria presso l’Università di Sydney, in Australia. Dopo la pensione, ha però deciso di continuare gli studi, in maniera tale “da tenere la mente allenata”. In particolare, secondo quanto riportato dalla sua relatrice, Sonia Brownie, sarebbe “intellettualmente al meglio nelle prime ore del mattino”.

Il neo-dottore ha studiato soprattutto per corrispondenza, gestendo in maniera eccellente il tempo a disposizione. La sua relatrice racconta simpaticamente di aver creduto che ci fosse un errore, una volta saputo che lo studente da assistere aveva 97 anni. Invece tutto si è rivelato regolare e oggi l’australiano plurilaureato è riuscito perfino a battere il Guiness dei primati.

Oltre allo studente attempato dell’Australia, già qualche settimana è giunta la notizia di una donna originaria dell’isola di Cherso, che all’età di 89 anni ha conseguito una laurea in Scienze filosofiche presso l’Università di Verona. Meyra Moise, questo il  nome, dopo il pensionamento non ha voluto abbandonare la sua più grande passione, ovvero l’umanistica, e ha deciso così di dedicarsi ancora una volta agli studi: “Un’esperienza – ha dichiarato – che consiglio a tutti”.