Polo didattico Sapienza Pomezia

Polo didattico Sapienza Pomezia

Prenderà il via il 7 settembre il “Global village campus”, campus di orientamento ospitato dalla sede universitaria di Pomezia. L’evento, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, dal Dipartimento della Gioventù, in collaborazione con l’Università la Sapienza si concluderà il 10 ottobre.

Nel corso del mese sarà favorito l’incontro tra laureati e mondo delle imprese. Coinvolte nel progetto sono infatti 50 aziende interessate alle capacità dei neolaureati.

L’iniziativa, sotto l’egida del Governo è stata presentata dal ministro della Gioventù Giorgia Meloni e il magnifico rettore dell’Università La Sapienza, Luigi Frati.

Il progetto pilota “Global village campus” nasce per “indagare e se possibile mettere a punto un modello scientifico e di riferimento per l’aggregazione, la socializzazione dei giovani nonchè l’individuazione di strumenti di selezione di talenti da proporre ad aziende capaci di un immediato assorbimento”.

Il “Global Village campus” quindi, secondo Palazzo Chigi “vuole essere un riferimento riproducibile e ripetibile tanto da diventare un esempio per tempi più lunghi e differenti. L’intero percorso condurrà alla realizzazione di una pubblicazione a carattere scientifico”.

“Noi sappiamo – ha affermato Meloni – di trovarci in una stagione di crisi, sappiamo che i giovani hanno difficoltà a trovare lavoro. Si dice delle nostre università che hanno un alto valore teorico, ma scarsa, scarsissima capacità pratica. C’è un rapporto traumatico tra mondo del lavoro e Università”.

È per questo, ha spiegato il ministro “che intendiamo cambiare questa situazione e attuare la ‘rivoluzione del merito’. Meritocrazia è rimuovere le barriere indipendentemente dalla famiglia dalla quale si nasce”

Per il rettore della Sapienza il “Global village campus” è una vera e propria “iniziativa a carattere nazionale, che vede la stretta collaborazione tra il ministero della Gioventù e La Sapienza. Con questa iniziativa intendiamo rilanciare la Sapienza come sistema universitario italiano, e parliamo di meritocrazia come valore per farlo”.

Per poter accedere e usufruire dei servizi del “Global village campus” bisogna avere ottenuto una laurea specialistica nel corso del 2008/2009, avere un ottimo libretto universitario con votazione di laurea al massimo dei voti, conoscere bene l’inglese, disporre di abilità relazionali e comunicative ed avere un’età massima di 29 anni.

Gli interessati devono inviare la propria candidatura registrandosi al sito globalvillage. cegos-search.it. A parità di requisiti verrà scelto il candidato che ha fatto prima la richiesta di partecipazione.