giannini annuncia concorso nazionale scuole specializzazione Medicina

Dopo tante lotte da parte degli studenti di Medicina, finalmente arriva l’annuncio: a Ottobre ci sarà il concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione. L’ha fatto sapere il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini, la quale si è impegnata anche ad evitare i tagli alle borse di studio, contro cui è stata lanciata la petizione online #medicisenzafuturo e ieri si è tenuta una manifestazione di protesta a Roma. Proprio per mettere a punto il bando del concorso nazionale, è stata fissato per oggi una riunione tra il ministero e i rappresentanti dei futuri medici.

“Prima dell’estate bandiremo il concorso nazionale, per titoli e prove, per l’accesso alle scuole di specializzazione in Medicina, che si terrà intorno alla metà di Ottobre”. Questa la dichiarazione resa in Senato del ministro. Il recente avvicendamento ai vertici del Miur, che ha visto Stefania Giannini succedere a Maria Chiara Carrozza, aveva suscitato dubbi e timori sulle sorti del concorso nazionale. Le preoccupazioni si sono, però, rivelate infondate: il progetto fortemente voluto dall’ex ministro per premiare il merito partirà davvero nel 2014, come previsto, per la gioia di studenti e neolaureati da anni impegnati in questa battaglia.

Sono giorni piuttosto intensi per quanto riguarda le scuole di specializzazione in Medicina. Mentre si lavora alla stesura del bando del concorso nazionale, che si preannuncia sarà in linea con l’esigenza di una maggiore semplificazione, e si raccolgono i pareri dei rappresentanti degli studenti sul decreto già firmato dall’ex ministro Carrozza, il ministro Giannini ha assicurato il proprio impegno per evitare il taglio delle borse previsto dalla spending review.

Una bella notizia per studenti di Medicina e futuri specializzandi, che si somma a quella che riguarda il concorso nazionale. Dopo la petizione online #medicisenzafuturo e la manifestazione di ieri nella Capitale, suonano confortanti le parole del ministro Giannini: “D’intesa con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, siamo impegnati a trovare una soluzione per evitare l’inaccettabile crollo del numero di borse”. I futuri medici sperano che i risultati possano giungere in tempi i più brevi possibili.