Barcellona

Barcellona è il capoluogo della regione autonoma di Catalogna. L’Erasmus a Barcellona è l’occasione giusta per calarsi nella vita dei catalani, gente molto orgogliosa della propria cultura e tradizione. A Barcellona si parla il catalano ed anche nelle università le lezioni sono tenute perlopiù in questa lingua. Barcellona è sul mare e per questo ha un suo porto ed è un centro commerciale importante della Spagna. A parte questo, con l’Erasmus a Barcellona gli studenti hanno la possibilità di conoscere una città dall’identità culturale forte, eclettica ed eccentrica con la sua famosa architettura firmata da Antoni Gaudí.

Come muoversi

Il modo migliore per muoversi a Barcellona è la metropolitana che con 6 linee copre tutta la città. Gli studenti dell’Erasmus a Barcellona possono acquistare uno dei vari abbonamenti scontati per gli studenti (per esempio il T-Jove). Inoltre la metropolitana è molto efficiente, puntuale e comoda. C’è anche The Articket, il biglietto a 20,00 euro che permette di entrare anche nelle migliori sette gallerie d’arte della città. Un altro mezzo di trasporto usato a Barcellona è la bicicletta, che gli studenti dell’Erasmus a Barcellona possono affittare a 6,00 euro per due ore.

Dove dormire

Per una prima sistemazione gli studenti dell’Erasmus a Barcellona possono fare riferimento ai tanti ostelli sparsi pr la città e vicino l’università. Gli affitti delle case a Barcellona sono piuttosto cari. Più o meno il prezzo di una stanza può variare, in base al quartiere, dai 350,00 ai 500,00 euro. Una volta arrivati in Spagna quindi, c’è tutto il tempo per cercare una stanza o un appartamento da dividere con altri studenti. La ricerca dell’alloggio viene fatta dagli studenti dell’Erasmus a Barcellona soprattutto attraverso siti Internet come loquo.com, il più usato, Segundamano, Habitaclia o Fotocasa. Se siete studenti dell’Erasmus a Barcellona è d’obbligo naturalmente dare uno sguardo anche agli annunci all’università.

Mangiare e bere

In generale mangiare fuori a Barcellona è abbastanza caro. Gli studenti Erasmus a Barcellona, per non spendere molto, possono mangiare a pranzo con un menú del día che si trova in molti locali durante la settimana e offre tre portate, pane e vino a 10,00 euro. Mangiare tapas in uno degli ottimi bar nella città vecchia, è un’altra alternativa. Febbraio è il mese delle calçotade, vere e proprie feste gastronomiche popolari dove le protagoniste sono le cipolle (calçots). Per una lisa dei locali e bar dove bere la sera c’è il magazine gratuito Butaxaca distribuito nei bar o Guía del Ocio in edicola.

Tempo libero e divertimento

Le cose da vedere a Barcellona sono davvero molte a partire naturalmente dall’architettura che la caratterizza. Gli studenti dell’Erasmus a Barcellona possono fare una passeggiata per ammirare l’architettura modernista di Gaudì al Parco Güell o il bellissimo castello del diciassettesimo secolo a Montjuic, il piccolo monte situato vicino al porto dal quale si gode della vista sulla città. La Rambla è il luogo più frequentato, pieno di venditori di vari articoli, cafè, bancarelle e intrattenitori da strada. Per gli studenti dell’Erasmus a Barcellona è d’obbligo una visita alla Sagrada Família, una grande basilica cattolica, tuttora in costruzione, considerata il capolavoro dell’architetto Antoni Gaudí.

Barcellona online

Gli indirizzi utili da segnarsi per l’Erasmus a Barcellona:

Barcellona, Ufficio del Turismo, metropolitana, biblioteche pubbliche, alloggi.