equipollenza laurea

La partecipazione ai concorsi pubblici è di norma legata al possesso di alcuni titoli di studio. Laddove vengano richiesti specifici diplomi di laurea, in molti casi bisogna valutare l’equipollenza della laurea o l’equiparazione, rispetto a quanto indicato nei bandi.

Valutare l’equipollenza e l’equiparazione della laurea, significa identificare un’equivalenza esistente tra titoli di studio conseguiti a livello accademico tra il vecchio ed il nuovo ordinamento a diversi livelli: laurea di primo livello, laurea magistrale etc.

Considerando le numerose modifiche che il sistema accademico ha conosciuto negli ultimi decenni, si rende indispensabile per un laureato, che intenda presentare domanda per un concorso pubblico, valutare l’equipollenza della laurea per stabilire la propria idoneità di partecipazione.


A questo proposito il Ministero per l’Università e la Ricerca stabilisce tramite specifici criteri e riferimenti normativi, l’equipollenza e l’equiparazione tra lauree in modo univoco e facilmente consultabile, con lo scopo di evitare errori ed omissioni.

Sul sito del MIUR è infatti disponibile una sezione specifica, per i titoli accademici italiani, riguardante l’equipollenza della laurea, ai fini della partecipazione ai concorsi pubblici.

Questa sezione si distingue in due parti:

  • equipollenza tra titoli accademici del vecchio ordinamento.
  • equiparazioni dei diplomi di laurea (DL) secondo il vecchio ordinamento, alle nuove classi delle lauree specialistiche.

Per ogni diploma di laurea presente nella tabella, sono indicati tutti i possibili titoli di base richiesti dai concorsi pubblici, per i quali la laurea in oggetto è equivalente.

Per ogni diploma di laurea del vecchio ordinamento, sono presenti i riferimenti ai decreti che indicano l’equiparazione con le classi di laurea attuali.

Nelle tabelle, a volte presenti anche nei singoli decreti interministeriali, viene di norma identificata l’attuale classe di appartenenza del titolo di laurea e le leggi di riferimento che decretano l’equivalenza e l’equiparazione.

Sempre sul sito del MIUR, vengono inoltre rese disponibili informazioni circa l’equipollenza dei titoli esteri.

Maggiori specifiche sono contenute nei singoli bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.