domani test di ammissione a Medicina 2014

Tutto è pronto per il test di ammissione a Medicina 2014, che per la prima volta si svolgerà ad Aprile e non più a Settembre, come in passato. Saranno in tutto 64.187 i candidati che tenteranno l’accesso ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi dentaria. La prova si svolgerà a partire dalle ore 11.00 di domattina, in contemporanea in tutte le sedi abilitate.

L’altra grande novità rispetto al passato è che per il test di ammissione a Medicina 2014 le probabilità di riuscire ad accaparrarsi un posto sono più alte. Quelli disponibili sono in tutto 10.932 – 9.983 per Medicina e 949 per Odontoiatria – e il rapporto posti/candidati è di 1 a 6 (l’anno scorso era di 1 a 7). Rimane però l’incognita preparazione, visto che molti hanno lamentato l’impossibilità di studiare a sufficienza per la prova a causa della concomitanza con i normali impegni scolastici. Le percentuali di ammessi, dunque, potrebbero essere più basse (e forse qualche posto potrebbe perfino rimanere scoperto) perché, è bene ricordarlo, affinché si possa entrare in graduatoria è necessario raggiungere un punteggio minimo pari a 20 punti.

Quest’anno cambia anche la ripartizione dei quesiti tra le varie discipline. Nei 100 minuti che gli aspiranti avranno a disposizione per svolgere il test di ammissione a Medicina 2014 dovranno dare risposta a 4 domande di cultura generale, 23 di ragionamento logico, 15 di biologia, 10 di chimica e 8 di fisica e matematica, per un totale di 60. Gli argomenti verteranno sulle nozioni affrontate negli ultimi tre anni di scuola superiore.

In attesa di sapere quali e quanti saranno gli ammessi (gli esiti della prova saranno pubblicati il prossimo 22 Aprile e la graduatoria nazionale il 12 Maggio), non si può non riflettere sul calo dei candidati. Dopo anni di continua crescita delle domande di partecipazione, per il test di ammissione a Medicina 2014 si è registrato un decremento del 7 per cento, se si calcola il numero di coloro che l’anno scorso effettivamente si presentarono alla prova (69.073 candidati), dato che sale addirittura al 23 per cento, se si considera il numero degli iscritti al test (che furono 84.165).

Tutta colpa dell’anticipo delle prove? Forse, ma probabilmente anche della ridotta capacità economica delle famiglie, che in molti casi non possono più sostenere il costo di un figlio all’università per almeno 6 anni. E forse il camice bianco perde appeal anche perché rappresenta sempre meno quel “porto sicuro” in grado di garantire un rapido inserimento professionale e lauti guadagni, come del resto dimostrano anche le recenti proteste degli aspiranti specializzandi.

Clicca qui ed esercitati per il test di ammissione a Medicina 2014 con le simulazioni gratuite di Universita.it