diventare commercialista

L’dentikit

Il commercialista, un esperto in diritto del commercio, è un libero professionista che presta molteplici servizi nel campo economico, fiscale e tributario ai suoi clienti che sono società di capitali, società di persone, le ditte individuali o i professionisti.

La formazione

Per diventare commercialista, o meglio “dottore commercialista” occorre come primo passo conseguire un titolo di laurea magistrale in economia (classi 84/S o 64/S), in quanto questo è un requisito indispensabile per accedere poi in futuro all’esame di stato per l’abilitazione alla professione. Prima del sospirato esame di stato tuttavia il percorso formativo per diventare commercialista non si esaurisce con la laurea, è necessario infatti un periodo di praticantato di almeno 3 anni presso uno studio commercialista o un professionista già abilitato.

 

L’esame di abilitazione all’esercizio della professione di dottore commercialista è stato integrato con le materie previste dalla direttiva 84/253/CEE del Consiglio del 10 aprile 1984, mentre le modalità di svolgimento del tirocinio professionale sono definite dal Ministero della Giustizia, coinvolgendo il Ministero per le Politiche Sociali e il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti.

Il dottore commercialista, iscritto nella sezione A dell’albo professionale, si distingue dalla figura di esperto contabile, inserita invece nella sezione B dello stesso albo. Possono diventare esperti contabili coloro che sono in possesso di una laurea triennale nella classe delle lauree in scienza dell’economia e gestione aziendale (17/S), o nella classe delle lauree in scienze economiche (28/S). Tuttavia la laurea triennale consentirà l’iscrizione all’albo dei praticanti per permettere a chi desidera diventare poi commercialista di avvantaggiare il proprio percorso di praticantato da commercialista rispetto al conseguimento della laurea magistrale.

Da sapere

Forse non è un dettaglio noto a tutti coloro che aspirano a diventare commercialista, ma i dottori commercialisti hanno l’obbligo del segreto professionale. In caso di violazione infatti vengono applicati gli articoli 351 e 342 del codice di procedura penale e 249 del codice civile.

Se si vuole diventare dottore commercialista è inoltre importante sapere che si tratta di una professione incompatibile con l’esercizio della professione di notaio, con “l’esercizio del commercio in nome proprio o in nome altrui”, con l’attività di giornalista professionista, di mediatore, di agente di cambio, di ricevitore del lotto, di appaltatore di servizio pubblico, di esattore di pubblici tributi e di incaricato di gestioni esattoriali.