maturita oggi commissioni e criteri assegnazione bonus per test ammissione

Da oggi è possibile conoscere la composizione delle commissioni degli esami di maturità 2013 e la tabella con le corrispondenze tra fasce di voto e punti di bonus per i test di ammissione all’università, come previsto dal decreto ministeriale n. 334 del 24 Aprile scorso. Per il momento la tabella e i dati relativi ai commissari sono consultabili solo da scuole e provveditorati, che possono già sapere il nome degli insegnanti nominati e conoscere i criteri di assegnazione del punteggio aggiuntivo. Tutti gli altri potranno visionare la composizione delle varie commissioni sul web a partire dal prossimo lunedì (3 Giugno), data in cui sul sito del Ministero dell’Istruzione apparirà il link ai documenti contenenti la lista dei nominativi, anche se le prime indiscrezioni inizieranno sicuramente a circolare già tra oggi e domani.

Ormai siamo agli sgoccioli. L’esame di maturità si avvicina, e la nomina ufficiale delle commissioni è l’atto che sancisce l’inizio del processo che tra meno di tre settimane vedrà gli studenti dell’ultimo anno delle superiori misurarsi con le varie prove scritte e infine sostenere l’orale. La prima prova, quella di Italiano, scatterà infatti il 19 Giugno prossimo, alle ore 8.30. Il giorno successivo – 20 Giugno – tutti gli studenti saranno impegnati nella seconda prova scritta, diversa in base all’indirizzo di studi: Latino al liceo classico, Matematica allo scientifico, Pedagogia all’ex-magistrale. Lunedì 24 Giugno sarà il giorno della terza prova scritta, forse la più temuta, predisposta da ogni singola commissione e riguardante tutte le materie.

A seguire, secondo il calendario stilato da ciascuna commissione, gli orali, che quest’anno dovranno terminare prima, come stabilito dal MIUR per evitare il sovrapporsi tra la maturità e i test di ammissione alle facoltà a numero programmato a livello nazionale, anticipati a Luglio. Il voto ottenuto da ciascun diplomato, purché superiore agli 80/100, potrà consentire di ottenere punti di bonus (da 4 a 10) nelle graduatorie dei test di ammissione all’università. L’attribuzione del bonus avverrà in maniera differenziata a seconda dell’istituto scolastico di provenienza, secondo un calcolo che terrà conto della votazione media riportata dai diplomati di ciascuna scuola, per garantire una maggiore equità.