Coimbra Group al Bo

Quali sono le strategie e le rotte per le università del futuro? A porsi questo interrogativo saranno proprio gli atenei che hanno alle spalle secoli di storia, ovvero le università aderenti al Coimbra Group, le più antiche e prestigiose d’Europa, che si danno appuntamento questa settimana a Padova, da 25 al 27 maggio, per il meeting internazionale 2011 dal titolo “La missione delle università europee nel mondo globalizzato”.

Si comincia oggi con una giornata dedicata agli atenei africani, caraibici e del Pacifico, ma il clou del meeting è in programma giovedì 26 maggio, quando nell’aula magna del Bo a intervenire sul futuro del mondo accademico saranno anche Zygmunt Bauman, sociologo e filosofo polacco, noto per la sua teoria della società (e della modernità) liquida, Lauritz B. Holm-Nielsen, rettore dell’Università danese di Aarhus e José Mariano Gago, ministro della scienza, della tecnologia e dell’educazione del Portogallo.

Proprio il più antico ateneo lusitano ha infatti dato i natali e il nome al Coimbra Group, costituito in Portogallo nel 1986 tra le università europee di più lunga tradizione e oggi composto da 39 atenei tra cui quelli di Barcellona, Bergen, Bologna, Cambridge, Istanbul, Oxford, Uppsala e Padova.

Al centro del meeting padovano ci sarà dunque il tema del ruolo delle università europee in ambito globale, offrendo un livello qualitativo di eccellenza tanto nella ricerca, quanto nella didattica e nei servizi che ne faccia un riferimento nel panorama della formazione accademica internazionale. C’è da dire infatti che sul fronte dell’eccellenza in ambito globale, il Vecchio Continente – escludendo l’Inghilterra e le sue perle, Oxford e Cambridge – appare in affanno nelle graduatorie della qualità accademica.

Oltre ad avviare una riflessione generale su questa tematica, l’obiettivo dell’incontro patavino sarà anche quello di elaborare e fornire, anche attraverso i workshop in programma venerdì, un contributo innovativo che possa essere utile alla politica europea sui temi dell’istruzione e della ricerca.