Studenti Talca, Cile

In Cile l’università si affida ai social media per offrire servizi agli studenti. Con quiz interattivi, colloqui via chat e conversazioni dal vivo con studenti ed esperti, l’Università del Cile ha accompagnato il 3 gennaio migliaia di aspiranti matricole verso il processo di ammissione per l’istruzione superiore.

Lo stesso sta accadendo all’Università di Talca, dove è stato allestito il primo Social Media Center accessibile da qualunque computer in cui lo studente potrà seguire percorsi di orientamento creati da esperti e potrà affrontare le questioni delle tasse universitarie o fare domande su borse di studio e benefici. Il direttore delle comunicazioni dell’Università di Talca, Liliana Guzman ha dichiarato: “I social network sono diventati indispensabili nella vita delle persone e intendiamo rafforzare la nostra presenza in esse, specialmente in questa fase critica della scelta e dell’ingresso all’università”.

Intanto, dal 3 gennaio, è su Facebook una settimana di attività per le aspiranti matricole che darà vita alla tradizionale “Semana del Postulante“. Dal 4 al 6 gennaio le porte del maggiore ateneo cileno sono aperte per tutti i ragazzi che vorranno visitare aule e strutture e partecipare a lezioni di prova. Per chi cerca assistenza personale, entrambi i campus hanno allestito camere di assistenza con istruttori abilitati che rispondono a tutte le richieste e domande degli studenti e che guidano l’utente attraverso i passi dell’applicazione.

Da mesi sono inoltre online simulatori di test che permettono agli studenti di esercitarsi e visionare i risultati delle loro prove. Insomma, in un momento di continui scontri e proteste, di tagli e di grande crisi del settore accademico cileno, le università del Paese stanno cercando di offrire il massimo ai loro nuovi iscritti, con un mix di innovazione attraverso l’uso dei social network e “tradizione”, grazie al contatto diretto e ai consigli offerti “de visu”.