calo iscritti test ammissione a medicina 2014

Il test di ammissione a Medicina 2014, che si svolgerà il prossimo 8 Aprile, si avvicina. Ma il fascino del camice bianco sembra fare meno presa tra i giovani italiani, almeno stando ai dati pubblicati dal MIUR sul numero di iscrizioni alla prova effettuate sul portale UniersItaly entro lo scorso 11 Marzo. La cifra è inferiore alle 70mila unità e mostra un calo del 17 per cento rispetto all’anno precedente, quando a pre-iscriversi furono 85mila.

I numeri sono in discesa e potrebbero diminuire ancora. Per sapere quanti candidati prenderanno effettivamente parte al test di ammissione a Medicina 2014 occorrerà conoscere anche i dati provenienti dai vari atenei relativi al numero di studenti che hanno versato il contributo di partecipazione entro i termini previsti. Non è affatto detto, infatti, che coloro che hanno completato la procedura sulla piattaforma online abbiano poi finalizzato l’iscrizione. L’anno scorso, ad esempio, su 85mila pre-iscritti furono solo 69.073 quelli che pagarono la quota e si presentarono al test.

La notizia del calo di iscrizioni per il test di ammissione a Medicina 2014, se da un lato dispiacerà agli atenei (che incasseranno di meno), dall’altro fa felici gli aspiranti medici. Ipotizzando che tutte le pre-iscrizioni siano state confermate, il rapporto tra candidati e posti disponibili (10.551 in totale) sarebbe di 7 a 1. Più favorevole che in passato. E, come detto, se ci fosse un ulteriore diminuzione le cose potrebbero anche migliorare.

Il calo degli iscritti al test di ammissione a Medicina 2014 potrebbe ovviamente non dipendere soltanto da una perdita di fascino della professione medica sui giovani italiani. Un fattore determinante è stato molto probabilmente anche l’aver anticipato le date delle prove ad Aprile, che potrebbe aver fatto temere a molti studenti di non riuscire a prepararsi sia per le normali scadenze scolastiche sia per l’accesso all’università.

Clicca qui per esercitarti in vista del test di ammissione a Medicina 2014 con le simulazioni gratuite di Universita.it