berlinguer su riforma gelmini

berlinguer su riforma gelmini

Sulla riforma dell’Università, c’è bisogno di evitare lo scontro ideologico. Lo ha dichiarato questa mattina al Corriere della Sera Luigi Berlinguer, ex ministro dell’Istruzione, ora parlamentare europeo, da sempre impegnato nel processo di cambiamento del sistema universitario.

Quello che l’opposizione deve evitare, stando alle parole di Berlinguer, è proprio il “muro contro muro” ancorato alle ideologie. E se c’è da fare qualcosa, consiglia l’ex ministro, allora sarebbe meglio concentrarsi sui finanziamenti agli atenei e alla ricerca.

I finanziamenti destinati dal Governo alla ricerca, ha precisato Berlinguer, sono insufficienti. Ma riforme e finanziamenti, ha spiegato, devono procedere insieme. Non va bene dunque né la strada seguita dal Governo, che sta dando precedenza alla riforma senza occuparsi dei finanziamenti, né quella proposta dall’opposizione di privilegiare i finanziamenti rispetto alla riforma.

Per l’ex ministro, la riforma del sistema universitario ha bisogno di uno sforzo comune e non può essere il progetto di una sola parte politica. Nel testo del ddl di riforma firmato Gelmini, spiega Berlinguer, ci sono elementi che sono stati elaborati da centrodestra e centrosinistra insieme nel corso degli anni: ostacolarlo per ragioni di schieramento politico sarebbe perdere un’opportunità.

“Le parole di Luigi Berlinguer – ha commentato il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini – sono un segnale positivo che fa ben sperare. È importante che maggioranza e opposizione dialoghino su temi centrali per il futuro del Paese in maniera non ideologica. Mi auguro dunque che l’appello di Luigi Berlinguer non cada nel vuoto” ha continuato Gelmini, che ha espresso apertamente il suo consenso riguardo al fatto che i contrasti politici sono ciò di cui l’università italiana non ha bisogno.