Roberto Benigni

Benigni porta l’Inferno di Dante al Parlamento europeo: l’appuntamento è previsto per mercoledì 9 novembre alle 18, quando il premio Oscar di casa nostra declamerà il XXVI canto davanti ai parlamentari europei a Bruxelles. L’evento è stato reso possibile grazie all’Università per stranieri di Perugia che ha organizzato con la Rappresentanza italiana presso l’Unione Europea e i gruppi Pdl e Pd al Parlamento europeo un convegno dal titolo “La lingua italiana come fattore d’identità e unità nazionale”.

Roberto Benigni e l’Inferno dantesco a Bruxelles rappresentano l’unico appuntamento di celebrazione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia in programma presso le istituzioni europee. Non a caso Benigni ha scelto per la platea del Parlamento europeo il canto di Ulisse (in basso il video con uno spezzone), in cui Dante arriva a cospetto dei condottieri e politici “orditori di frode”, famoso per il verso “fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza”.

Il convegno al Parlamento europeo, assieme alla declamazione di Benigni, prevede una serie di interventi sul tema della lingua come fattore identitario. Parteciperà ai lavori il presidente del Comitato dei garanti per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, l’ex presidente del consiglio Giuliano Amato. Con lui lo scrittore portoghese Vasco Graa Moura, Stefania Giannini, rettore dell’Università per stranieri di Perugia, Francesco Bruni, storico della lingua, il medievista Franco Cardini, e Aldo Cazzullo del Corriere della Sera, autore tra l’altro libro “Viva l’Italia!”.

All’appuntamento con Benigni, che non è nuovo a collaborazioni con gli atenei italiani e presto sarà insignito della laurea honoris causa in Lettere e Filosofia all’Università della Calabria, parteciperanno anche Mario Mauro, presidente della delegazione Pdl al Parlamento Europeo, David Sassoli, che coordina gli eurodeputati del Pd, il sottosegretario Gianni Letta, il ministro per le Politiche europee Anna Maria Bernini, e Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea.