Ascoltare musica provoca piacere come il cibo o il sesso

Per molti potrebbe non essere affatto una sorpresa. La musica è in grado di offrire le stesse sensazioni piacevoli che si provano attraverso il sesso o mangiando il proprio piatto preferito, facendoci stare meglio quando siamo giù di morale. Lo sostiene uno studio compiuto dai ricercatori della McGill University di Montreal (Canada) e pubblicato su Science.

Le azioni che compiamo hanno infatti un diverso impatto sul nostro cervello. Quando, ad esempio, facciamo qualcosa che ci rilassa e ci gratifica si attivano delle aree collegate al senso di ricompensa o di piacere. Questa correlazione spiega perché quando siamo tristi o insoddisfatti tendiamo quasi inconsapevolmente a gratificarci con una fetta di dolce o a cercare rifugio tra le lenzuola in compagnia del partner per stimolare questi processi e ottenere – almeno momentaneamente, prima che emerga il senso di colpa – l’appagamento sperato.

Anche la musica sarebbe in grado di darci le stesse sensazioni piacevoli fornite dal cibo e dal sesso. Grazie a delle scansioni cerebrali ottenute con la risonanza magnetica funzionale, gli scienziati coordinati dal dottor Robert Zatorre hanno dimostrato che quando si ascolta musica per la prima volta si attivano molte aree del sistema mesolimbico e delle regioni associate alle cortecce uditive. E proprio il sistema mesolimbico è il regolatore delle sensazioni legate al piacere e al senso di appagamento.

Lo studio dei ricercatori canadesi è molto affascinante. Secondo il dottor Zatorre, la musica è costituita da una serie di suoni privi, di per sé, di qualunque valore intrinseco. Ad agire sul nostro cervello, facendoci provare piacere e dandoci una sensazione di ricompensa, è il modo in cui questi suoni sono disposti e legati uno all’altro. Né più né meno di quello che accade quando percepiamo i diversi sapori del nostro cibo preferito o quando proviamo le varie sensazioni scaturite dal fare sesso. Allegri, dunque: se tenete alla linea o non avete un partner, per tirarvi su di morale basterà d’ora in poi un semplice lettore di mp3.